Indulgenza (PRC) chiede le dimissioni dell’Assessore Ranise

6 commenti al post

Ricevo e pubblico:

Ieri sera, durante la discussione sul destino della refezione scolastica e di altri importanti servizi comunali, l’assessore alle Politiche Sociali Ranise e l’esponente della Lega Nord intervenuta hanno affermato che il problema in discussione non è la preferenza tra pubblico e privato.
Il dott. Ranise, medico ospedaliero in servizio presso l’Ospedale Civile di Imperia, dipendente dello Stato, che per nomina pubblica è stato anche chiamato a presidere il Distretto socio-sanitario, afferma in Aula e in televisione che non devono esserci pregiudiziali “ideologiche” rispetto alle due condizioni!!!
Il dovere dei rappresentanti del popolo in Consiglio Comunale e degli amministratori comunali è quello di sostenere il primato del pubblico e le iniziative per salvaguardarne e favorirne le prerogative, in ogni caso. Il Comune è infatti l’Ente pubblico per eccellenza, ente di prossimità con i bisogni e i diritti dei cittadini.
Posto quanto sopra, il Gruppo del P.R.C. chiede le dimissioni dell’assessore Ranise, che, nell’esercizio del ruolo di membro di una Giunta Municipale, fa intendere di considerare indifferente se privatizzare o meno fondamentali servizi del Comune che rappresenta istituzionalmente, quasi fosse possibile una sorta di equidistanza neutrale per chi è stato chiamato ad amministrare la cosa pubblica.
La rappresentante della Lega Nord ha tenuto affermazioni che ben corrispondono ai deliranti disegni ‘padani’ di secessione dall’Italia e all’opportunismo e alla subalternità palesi dela locale compagine di quel Partito.
I cittadini Imperiesi hanno ieri sera assistito al disinvolto ‘annuncio, da parte della Destra al governo della Città, di una privatizzazione che peserà sui loro diritti e bisogni e che, se non fermata, sarà solo l’inizio di un’opera sistematica di smantellamento del welfare locale pubblico.
Ciò, malgrado in Italia si stia manifestando una generale volontà popolare di ritorno al pubblico, come dimostrano l’esito ultramaggioritario del recente referendum sui servizi pubblici locali e sull’acqua e l’operato di non poche amministrazioni locali che, rispettando quell’espressione di democrazia, stanno procedendo con la ripubblicizzazione dei servizi, resi sempre più costosi e scadenti proprio dallo spazio concesso al potere e agli interessi dei privati grazie all’ideologia liberista e mercatista dominante negli ultini decenni.

Pasquale Indulgenza
capo gruppo P.R.C. al Comune di Imperia