Appuntamenti letterari

2 commenti al post

Presentazione di “Papel”

Occasione importante per la Cultura ligure e non solo. Il 7 novembre, presso la Biblioteca Civica di Imperia “Leonardo Lagorio”, si presenta alle ore 17.30 il volume letterario “Papel”. Si tratta della prima presentazione assoluta della pubblicazione, auspice la direzione della splendida biblioteca del capoluogo provinciale. I curatori di “Papel” sono Marino Magliani ed Alessandro Giacobbe. Magliani è un autore e traduttore originario di Prelà, dimorante nei Paesi Bassi, vero uomo di lettere di caratura internazionale. Noto per i suoi romanzi, scritti, basi per graphic novel e quant’altro sia in Europa che in Sud America, con testi editati in Italia, Paesi Bassi e Germania. Alessandro Giacobbe è uno storico del territorio, con spiccati interessi per la realtà culturale artistica, monumentale, materiale e gastronomica. Non a caso per “Papel” cura proprio una rubrica di “resistenza gastronomica”. Ricerca e commento di antiche ricette. Altri autori dell’opera a più mani hanno assicurato la loro presenza per il dibattito.

Cos’è Papel: Papel è una realtà culturale che nasce in Liguria occidentale, ma non vuole essere limitata: non lo è dal punto di vista territoriale, non lo è in relazione ai contenuti. Papel ospiterà prosa, estratti di romanzi, anticipazioni, racconti, traduzioni, saggi, poesie. Ospiterà esordienti e autori noti, avrà spazi fissi o numeri a tema. E infine, anche qualcosa sul nome di questo progetto. Basilare. Papel: carta. Parola per identificare anche il foglio umile, come quello che si usava per avvolgere il cibo venduto nelle vecchie botteghe. Si richiama il “papiro”, alla maniera ligure, così come si impiega una lingua internazionale, come lo spagnolo castigliano.
Papel è stato curato a livello grafico e reso edito da Edizioni Zem di Flavio Porchia.

Si trovano in questo numero

Gianfranco Sarchi, Considerazioni su emigrazione, sport e identità culturali.
Riccardo Ferrazzi, Roma senza miti.
Oscar Wilde, La verità delle maschere (tradotto da MarcoVignolo Gargini)
Gabriele De Canis, Come si coltivano gli ulivi.
Gabriele Virgillito Cassini, Racconti da fogli volanti. Condorminio.
Paolo Veziano, Scritti in memoria di Nico Orengo. L’albero della fretta.
Marco De Carolis, Haiku, tanka e pensieri.
Alessandro Giacobbe, Salsa verde.

Poesia e racconto: due modi di sentirsi liberi

Sabato 10 novembre 2012 alle 18.00, presso i Giuseppini, nella palazzina padronale che rimane quasi sotto piazza Ricci, si terrà un incontro di interscambio di idee ed esperienze poetiche ed artistiche.

Saranno trattati anche nuovi modi di incontro tra gli autori emergenti e di diffusione delle loro opere presso un pubblico che, crisi a parte, è più interessato di quanto possa sembrare a quanto ciascun autore è disposto a condividere.

L’ostacolo è quasi sempre un’editoria che guarda quasi esclusivamente alla vendibilità (cioè alla popolarità degli autori affermati grazie a posizioni di prestigio) che non alla qualità e che si affida troppo spesso ad intermediari che pretendono l’esclusività togliendo ogni incentivo agli autori.
Fortunatamente i nuovi mezzi di comunicazione danno modo di riunirsi ed organizzarsi in modo da poter essere, finalmente, in grado di contrattare.

I titoli presenti all’incontro sono:

“Il mare e il sale” – poesie – Simonetta Paroletti - edito da Arduino Sacco di Roma
“Come un volo d’uccelli” – poesie – Melchiorre Giovanni – edito da Arduino Sacco di Roma
“Ora ti racconto” – racconti – Melchiorre Giovanni - edito da CEI di Imperia

Espone alcuni quadri la pittrice sanremese Vittani Floriana.