Archivio per tag ‘Gabriele Cascino’

Porte aperte agli imperiesi

10 commenti al post

Ricapitoliamo: Paolo Strescino fonda un movimento che per ora è virtuale denominato “Laboratorio per Imperia”. Dico virtuale perché per ora ha preso corpo in rete. Per non confonderlo con quello di Grillo suggerirei di dire “in nassa” così evitiamo di fare confusione.
Giuseppe Fossati crea un progetto, parallelo a FLI, che si chiama “Officina delle Idee” nella  sede del partito di Fini in Piazza Dante, inaugurata giusto sabato scorso. E’ una cosa seria e inviterei i lettori a evitare di chiedermi se nell’officina si possono cambiare anche gli pneumatici o fare i tagliandi. Anche perché non lo so.
Gabriele Cascino, segretario provinciale dell’IDV, annuncia che dal prossimo autunno la sede del partito di Di Pietro in Piazza Dante aprirà le porte ai cittadini che potranno andare a segnalare problemi e suggerire soluzioni perché, dice, “Desideriamo costruire il nostro programma insieme agli imperiesi“. Perché se arriva uno di Cuneo e ti dà due dritte su come smaltire il traffico, per esempio, non vale? Il numero civico dell’officina credo sia il 19, quello della sede dell’IDV non lo conosco, ma sarà mia cura indicarlo (se qualcuno li conosce con esattezza può lasciarlo scritto nei commenti) perché temo che in Piaza Dante ci sarà un via vai di cittadini disorientati che non sapranno in quale porta entrare e c’è il rischio che qualcuno vada a dire la sua idea alle persone sbagliate.
Scusate, ma a me questi progetti, o laboratori, o officine, come li vogliamo chiamare, non entusiasmano per niente e ci vedo tanto, ma tanto fumo.
Perché è inutile girarci intorno e fare le verginelle umili: il candidato sindaco per l’officina sarà Giuseppe Fossati; quello per il labortorio, Paolo Strescino. Sarebbe stato più invitante annunciarlo più tardi e che magari i portavoce avessero detto: insieme ai cittadini che vorranno collaborare con noi, individueremo una persona, magari una donna, che sarà il candidato Sindaco. Invece hanno messo le mani avanti dicendo che per ora i candidati sono loro, ma se ci saranno persone valide saranno bene accette.
Naturalmente questa è la mia personalissima opinione.
Per quanto riguarda l’IDV il discorso è lievemente diverso. Perlomeno Cascino, per il quale nutro pochissima stima, sia detto per inciso, non inventa laboratori né officine: si chiamerà IDV. E’ l’unica differenza che c’è fra i tre “progetti” che ho citato prima, ma mi fa un po’ sorridere che il segretario provinciale dell’IDV dica che “è giunto il momento di rimboccarsi le maniche e tratteggiare soluzioni ai molti problemi urbanistico-amministrativi che una gestione verticistica, quasia assolutistica direi, del potere ha lasciato in eredità e che oggi angustiano Imperia, primo tra tutti il porto” perché da quanto mi è parso di capire durante e subito dopo le elezioni provinciali del 2010, dove ero candidato da indipendente, in quel partito se ne intendono di “gestioni verticistiche e assolutistiche”.
Siamo solo all’inizio e il futuro ci riempirà di sorprese: pare, per dirne una, che l’on. Claudio Scajola abbia intenzione di passare all’UDC. Ma questa è un’altra storia.

Scritto da Angelo Amoretti

21 maggio, 2012 alle 9:25

La crisi infinita dell’IdV imperiese

24 commenti al post

Paolo Balloni, vice coordinatore provinciale dell’Idv e già candidato alle scorse elezioni regionali, ha deciso di lasciare il partito del gabbiano.
Ieri sul Secolo XIX si poteva leggere quanto segue:

Balloni critico con Cascino sbatte la porta e lascia l’Idv

Proseguono le fuoriuscite illustri dall’Italia dei Valori: ieri ha rassegnato le dimissioni il vice coordinatore provinciale Paolo Balloni. L’ex consigliere provinciale e attuale consigliere comunale di Riva Ligure ha lasciato in piena rotta di collisione con l’assessore regionale e coordinatore provinciale Gabriele Cascino.
«Dopo nove anni di permanenza nell’Italia dei Valori – afferma Balloni – non mi riconosco più in questo partito e non voglio restarci nemmeno un minuto in più. Perciò ho dato le dimissioni irrevocabili da vicecoordinatore provinciale, da componente del coordinamento e da iscritto. E in consiglio comunale a Riva Ligure cancellerò il simbolo Idv e come capogruppo di minoranza rimarrò nella lista civica indipendente.
Le motivazioni che mi hanno spinto a questo gesto sono molteplici
».
Balloni è un fiume in piena: «Per prima cosa contesto la condotta verticistica del partito, sia a livello nazionale che in particolar modo a livello locale. Non c’è democrazia a sufficienza, c’è poco dialogo e poca chiarezza, le decisioni prese dal coordinamento difficilmente trovano un riscontro positivo».
Balloni si rivolge direttamente a Cascino: «Dopo l’elezione del coordinatore provinciale ad assessore regionale sarebbe stato giusto un suo passo indietro nell’ambito locale, lasciando spazio ad altre persone che avrebbero sicuramente avuto più tempo per svolgere il mandato di coordinatore provinciale.
Ho accettato la carica di vicecoordinatore provinciale, ma le mie proposte sono risultate vane: ho combattuto contro i mulini a vento
».
La goccia che ha fatto traboccare il vaso secondo Paolo Balloni è a seguito di una sua dichiarazione su “Il Secolo XIX”: «Il giorno successivo il coordinatore provinciale mi ha fatto una filippica che non finiva più. Non accetto lezioni da nessuno, tanto meno da chi inaspettatamente è diventato assessore regionale senza metterci la faccia. Nell’ultimo anno altri tre importanti dirigenti dell’Idv hanno dato le dimissioni: Sergio D’Aloisio, Luigi Depaulis e Mauro Delucis».
Gabriele Cascino respinge le accuse di Balloni: «Avere ottenuto l’assessorato regionale per l’Italia dei Valori in provincia di Imperia è un risultato storico, frutto del lavoro, dell’impegno, dei nostri ideali e valori. Alle elezioni regionali della scorsa primavera abbiamo raggiunto un’alta percentuale, attorno al 6% in provincia e all’8% in tutta la Liguria. Siamo il secondo partito della coalizione nella nostra regione. Sono dispiaciuto per le dimissioni di Balloni, lo ringrazio per il lavoro svolto, ma evidentemente da parte sua c’era un certo malumore per essere stato il primo dei non eletti. Inoltre per il ruolo di coordinatore provinciale ci vuole consenso».
Gabriele Cascino non vede l’Idv in difficoltà dopo le recenti dimissioni: «Ci sono numerosi nuovi iscritti, tra cui i consiglieri comunali di Perinaldo Paola Embriaco e Alessandro Roggero».
Il Secolo XIX – 28 gennaio 2011

e oggi rincara la dose con questa intervista a Sanremonews.
Le cose non vanno propriamente come speravo neppure a Genova: basta leggere l’articolo di Ferruccio Sansa su Il Fatto Quotidiano di oggi, su carta e online.
Gabriele Cascino “non vede l’IdV in difficoltà“. Forse, tra un impegno e l’altro, una visita dall’oculista non farebbe male, prima che sia troppo tardi.

Scritto da Angelo Amoretti

29 gennaio, 2011 alle 12:21

Sulle vicende dell’Idv in provincia di Imperia

34 commenti al post

Siccome un certo attaccamento all’Idv imperiese mi è rimasto, sebbene non sia iscritto e non sia stato eletto alle scorse elezioni provinciali, seguo con interesse, dal di fuori, le vicende del partito del gabbiano. Lo chiamo così perché mi sono stufato di sentirlo chiamare “partito di Di Pietro”, con tutto il rispetto per il “Tonino nazionale”.
Mi meraviglio altresì che non si sia ancora deciso di aprire una sede a Imperia, capoluogo di provincia, dove in fondo l’Idv ha avuto risultati oltremodo soddisfacenti alle scorse amministrative, e mi sono stancato pure dei poteri accentrati sul territorio che, a quanto pare, decidono tutto per tutti.
Due parole le voglio spendere per l’assessore allo sport Gabriele Cascino: è a Genova in giunta perché era nel listino di Burlando, se non erro, e non ha preso neppure un voto. I voti li abbiamo dati alla lista Burlando e ai candidati dell’Idv che erano sulle schede e li hanno presi loro. Tanto per chiarire.

LE DIMISSIONI DI MAURO DELUCIS

BUFERA NELL’IDV, DELUCIS SI DIMETTE: «CONGRESSI FARSA»
Fuga dal partio di Di Pietro per affluire nel Fli di Fini. Accuse all’assessore Cascino.

Bufera politica sull’Idv imperiese. Mauro Delucis, 37 anni , originario di Torino ma da tempo residente in Riviera dove si è sposato e ha tre figli, ex candidato alle elezioni provinciali 2010 nel partito di Di Pietro, non è più coordinatore cittadino di Imperia e del Golfo Dianese. Le sue dimissioni, irrevocabili e non senza polemiche, sono state annunciate a fine dicembre attraverso una lettera amara scritta sul sito internet del circolo imperiese dell’Italia dei Valori.
«Le motivazioni ch emi hanno spinto a questo gesto sono molteplici – ha scritto Delucis – essendo io una persona piuttosto schiva avrei voluto tenerle per me e non dare troppo risalto alla mia decisione. Visto però la maretta che in questo momento esiste intorno al partito, anche a livello nazionale, mi vedo costretto a parlarne apertamente per evitare possibili malintesi.
Cominciamo subito con il dire che non c’è un motivo più importante degli altri – attacca Delucis – ero già da tempo piuttosto dubbioso riguardo a come viene condotto il partito dai suoi dirigenti. Ero anche uno di quelli che credeva di poter cambiare le cose dall’interno e che per farlo era disposto a inghiottire un po’ di fango. Recentemente però goccia dopo goccia il vaso è traboccato e mi ha portato alla decisione di dimettermi». Delucis, fedele a uno dei punti essenziali del suo programma elettorale, la trasparenza, ha poi snocciolato, uno per uno, le motivazioni che lo hanno portato a gettare la spugna, sbattendo fragorosamente la porta del partito. «Il partito è troppo verticistico, il suo statuto non pone praticamente limiti ai poteri decisionali dei vari coordinatori perché non definisce gli argomenti che richiedono decisioni prese a maggioranza – ha scritto Delucis – questo, in sostanza, rende abbastanza inutili i coordinamenti stessi. I congressi, poi, sono vere e proprie farse. Nel luglio scorso, l’attuale coordinatore provinciale è stato confermato al suo posto grazie anche al fatto che nessuno si è presentato contro di lui.
Stendo un velo pietoso sugli intrallazzi avvenuti per evitare che si candidassero altre persone, basti dire che tutti hanno avuto la loro parte. Io stesso ho accettato, sbagliando, di essere nominato coordinatore cittadino: l’ho fatto solo con la speranza che lamia presenza servisse a portare un po’ di sana democrazia nel partito». Accuse pesanti. Che vengono rincarate qualche riga sotto. «In provincia di Imperia – incalza Delucis – le assemblee del direttivo provinciale si riducono a litigi tra fazioni campanilistiche (Imperia contro Taggia, ad esempio) e a decisioni prese con il “bilancino territoriale”: questo mi ha deluso molto».
L’abbandono di Delucis, tra l’altro, coincide (casualmente?) con un altro evento: un consistente numero di iscritti e simpatizzanti del circolo “Falcone e Borsellino” di Imperia (ma anche a Sanremo le cose non andrebbero diversamente) sono già usciti, o lo starebbero perfare, dall’Italia dei Valori. In molti avrebbero chiesto o preso la tessera del movimento di Gianfranco Fini,Generazione Italia. Al momento, il direttivo provinciale dell’IdV, coordinato dall’assessore regionale allo sport, Gabriele Cascino, e dal suo vice, PaoloBalloni, non ha ancora nominato il sostituto di Delucis. E sul sito del circolo imperiese si sprecano interventi, polemiche e accuse. Anche dirette. Una in particolare, indirizzata proprio all’assessore regionale Cascino. «Perché non fa sapere quanti sono gli iscritti al partito? – domanda un dirigente provinciale dell’IdV – perché non devolve al coordinamento di Imperia per le attività di sostegno una parte della sua indennità mensile?».
Il Secolo XIX – 10 gennaio 2011

L'INTERVISTA A PAOLO BALLONI

Balloni:«Fermeremo la fuga dall’Idv»

«Non abbiamo ancora sostituito il coordinatore di Imperia e Golfo Dianese (Mauro Delucis, ndr) per il semplice fatto che, a breve, già nei prossimi giorni, contiamo e speriamo di risanare la frattura con lui e con gli altri iscritti all’IdV che hanno manifestato l’intenzione di abbandonare il partito.
Una cosa è certa: questa piccola emorragia, tra l’altro pienamente recuperabile, non scalfirà la presenza del partito in provincia e nell’Imperiese.
Entro febbraio apriremo la prima sede provinciale dell’IdV e il partito, da quel momento, sono certo che si rafforzerà e troverà i necessari momenti di confronto e di dibattito che sinora, per più motivi, sono mancati».
Paolo Balloni, ex consigliere provinciale, vice coordinatore dell’IdV in provincia, fa il pompiere e tenta di spegnere polemiche e malumori che, ultimamente, sono sorti all’interno del partito e che hanno portato alle dimissioni del coordinatore imperiese, Mauro Delucis, e alla fuga didiversi iscritti verso altri movimenti e partiti.
«Effettivamente – conferma comunque Balloni – negli ultimi tempi qualche malumore c’è stato tra i nostri iscritti. Il motivo principale, a mio parere, è dovuto alla carenza di confronti e riunioni (una ogni due, tre mesi) tra i vertici del partito e la base. Gli iscritti sono circa 250: qualcuno, è vero, se n’è andato. Ma sono pochi e, come ho già detto, contiamo ancora di recuperarli…».
I tanti impegni amministrativi in Regione dell’assessore allo sport, Gabriele Cascino(che è anche coordinatore provinciale dell’IdV), hanno evidentemente provocato un fisiologico distacco con i dirigenti e gli iscritti ponentini del partito di Di Pietro.
«La mancanza della sede ha avuto un ruolo determinante in questo campo- conclude Balloni – quando ci siamo visti, spesso e volentieri, lo abbiamo fatto in un bar piuttosto che a casa di questo o quell’altro dirigente.
Dobbiamo,noi vertice locale del partito, tornare più vicini alla gente, ai nostri iscritti, ai simpatizzanti che ci hanno sempre fornito il loro prezioso appoggio e sostegno».
Nel frattempo, da Sanremo, arriva la conferma che alcuni ex iscritti all’IdV hanno già cambiato maglia.
«Dall’inizio dell’anno abbiamo già tre nuovi iscritti, tutti provenienti dall’IdV – conferma Francesco Castagnino, vice coordinatore provinciale di Generazione Italia – so anche che altri starebbero per lasciare il partito di Di Pietro. Mi hanno parlato di un certo malcontento tra la base e i vertici…vaglieremo comunque attentamente le posizioni di coloro che chiederanno di far parte di Generazione Italia».
Il Secolo XIX – 11 gennaio 2011

Scritto da Angelo Amoretti

11 gennaio, 2011 alle 13:31

Braccia restituite all’Agricoltura

7 commenti al post

Giovanni Barbagallo

Giovanni Barbagallo (PD), già sindaco e vice sindaco di Imperia negli anni ‘80, poi segretario provinciale dei DS, è Assessore all’agricoltura, floricoltura, pesca e acquacoltura nella nuova Giunta Regionale di Claudio Burlando.
La nostra provincia può vantare ben due Assessori: il sanremese Gabriele Cascino (IdV) avrà la delega allo sport, al tempo libero, organizzazione e personale.
Auguri a tutti e due e all’intera Giunta.

Scritto da Angelo Amoretti

11 maggio, 2010 alle 9:03